Martedì, 17 Luglio 2018

Comunicati stampa (277)

SETTE SU DIECI ASSOCIANO IL VINO ALLA FRANCIA

La pasta e il Barolo sarebbero il cibo e il vino italiani più conosciuti dall’upper class cinese. Ma a vincere è la non conoscenza del made in Italy, con la metà dei consumatori chiamati ad associare al Belpaese un prodotto/brand agroalimentare che risponde ‘non so’. Lo rivela un estratto dell’indagine dell’Osservatorio Paesi terzi di Business Strategies sul posizionamento del made in Italy in Cina, condotta da Nomisma Wine Monitor su un campione di 1.000 cittadini dal reddito medio-alto residenti a Pechino e Shanghai.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

MAZZONI (IMT): VERDICCHIO SALTO DI QUALITA’ ANCHE PER CRITICA INTERNAZIONALE

(Jesi – AN, 30 maggio 2018). C’è molto Verdicchio tra i top-vini premiati nei World Wine Awards 2018 di Decanter, la rivista britannica che ogni anno pubblica i risultati del più grande concorso enologico mondiale, una delle poche classifiche in grado di muovere veramente il mercato internazionale. A cominciare dal Verdicchio dei Castelli di Jesi Massaccio 2016 di Fazi Battaglia, che si è aggiudicato la medaglia di platino e la palma di miglior punteggio (97/100) tra i bianchi fermi italiani assieme ad altri 5 super-vini: il Riserva Sauvignon Blanc di Cantina Bolzano e l’Aristos Pinot Grigio della Cantina Valle Isarco (Alto Adige), il Costa d’Amalfi Fiorduva di Marisa Cuomo (Campania), la Vernaccia di Oristano Riserva di Silvio Carta (Sardegna) e la Ribolla Gialla di Torre Rosazza (Friuli Venezia Giulia).

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

BALLOTTA (BUSINESS STRATEGIES): DAL 2 GIUGNO NUOVA PIATTAFORMA E-COMMERCE CON SHANGHAI MORNING POST

“Sarà un Vinexpo Hong Kong da protagonista per l’Italia del vino, che assieme all’Australia sta facendo segnare il migliore trend di crescita in Cina. Il + 41,4% registrato nelle importazioni dal Dragone nel primo trimestre 2018 – contro una media import del Paese a +18,1% – consolida il sorpasso sulla Spagna al 4° posto e soprattutto rappresenta un segnale tangibile del recupero del vino italiano su una piazza da sempre considerata difficile”. Lo ha detto, alla vigilia di Vinexpo Hong Kong, la Ceo di Business Strategies, Silvana Ballotta.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

FIRMATO ACCORDO TRA CONOSCERE EURASIA E AGENZIA SVILUPPO TECNOLOGICO FEDERAZIONE RUSSA

Supportare la cooperazione tecnologica applicata nei settori attualmente più strategici per lo sviluppo delle imprese italiane e russe, favorendo la ricerca, il progresso e, quindi i rapporti commerciali finalizzati all’interscambio, anche di know how specializzato. È la sintesi dell’agreement firmato ieri nel day 0 del Forum economico internazionale di San Pietroburgo (Spief, 24-26 maggio 208) da Antonio Fallico, presidente della fondazione scaligera Conoscere Eurasia - capofila della partecipazione italiana alla Davos russa - e Maxim Shereykin, direttore generale dell’Agenzia per lo sviluppo tecnologico della Federazione Russa, a conclusione del tavolo di lavoro su “Tecnologie europee per aumentare la qualità della vita”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn